ChiudiChiudi

Per il paese

Premessa

Tenendo in considerazione le significative incertezze già analizzate in sede di predisposizione della Relazione Finanziaria Annuale 2019, il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia ha esaminato tutti i fattori di rischio in essere alla data di predisposizione della Relazione Finanziaria Annuale 2020.

Risultati del Gruppo

Gli elementi che hanno richiesto una puntuale valutazione in merito alla capacità della Società di continuare ad operare in normale funzionamento per un periodo di almeno dodici mesi dalla data di chiusura del bilancio 2020 possono raggrupparsi e sintetizzarsi nei seguenti punti:

  1. rapporti e i contenziosi in essere tra Autostrade per l’Italia e il Concedente;
  2. adozione da parte del Governo italiano del c.d. Decreto “Milleproroghe 2020” e segnatamente dell’art. 35 ivi contenuto, che modifica la disciplina in caso di “revoca, di decadenza o di risoluzione di concessioni di strade o di autostrade, ivi incluse quelle sottoposte a pedaggio”;
  3. revisione al ribasso da parte delle agenzie internazionali Moody’s, Fitch e Standard & Poor’s del rating creditizio di Autostrade per l’Italia, portato al di sotto del livello “investment grade” (“downgrading”);
  4. restrizioni agli spostamenti introdotte dal Governo a seguito dell’insorgere dell’emergenza epidemiologica legata alla diffusione del virus Covid-19, che hanno determinato una forte riduzione dei volumi di traffico e hanno inciso sui ricavi operativi dell’esercizio 2020 e che si ritiene potranno impattare anche sui risultati del 2021.

Il Consiglio di Amministrazione ha valutato come i fattori di rischio e incertezza in essere alla data di predisposizione dell’ultima relazione finanziaria annuale possano essere superati e ha concluso che i medesimi fattori non siano tali da generare dubbi significativi sulla capacità della Società e del Gruppo di continuare a operare come entità in funzionamento. Sulla base di queste considerazioni, il bilancio al 31 dicembre 2020 è stato predisposto nel presupposto della continuità aziendale.

Si evidenzia come tale valutazione comporti un giudizio, in un dato momento, sull’esito futuro di eventi o circostanze che sono per loro natura incerti; pertanto, tale determinazione, pur formulata sulla scorta di una attenta ponderazione di tutte le informazioni allo stato disponibili, è suscettibile di essere contraddetta dall’evoluzione dei fatti ove non si verifichino gli eventi ad oggi ragionevolmente previsti ovvero emergano fatti o circostanze con loro incompatibili, oggi non noti o comunque non valutabili nella loro portata.

Il Consiglio di Amministrazione provvederà a svolgere un costante monitoraggio sull’evoluzione dei fattori presi in considerazione, così da poter assumere, laddove se ne verificassero i presupposti, le più opportune determinazioni correttive.

Conto economico riclassificato consolidato
   Variazione
Milioni di euro20202019Assoluta%
Ricavi da pedaggio2.7913.690-899-24
Altri ricavi operativi239393-154-39
Totale ricavi operativi3.0304.083-1.053-26
Costi esterni gestionali-1.165-897-26830
Oneri concessori-362-473111-23
Costo del lavoro netto-471-50029-6
Variazione operativa dei fondi-403-1.5031.100-73
Totale costi operativi netti-2.401-3.373972-29
Margine operativo lordo (EBITDA)629710-81-11
Ammortamenti, svalutazioni, ripristini di valore e accantonamenti per rinnovi-672-653-193
Margine operativo (EBIT)-4357-100n.s.
Oneri finanziari, al netto dei proventi finanziari-487-457-307
Quota dell'utile (perdita) di partecipazioni contabilizzate in base al metodo del patrimonio netto-8-3-5n.s.
Risultato prima delle imposte delle attività operative in funzionamento-538-403-13533
Oneri fiscali128135-7-5
Risultato delle attività operative in funzionamento-410-268-14253
Proventi (Oneri) netti di attività operative cessate1-1-
Utile dell'esercizio-409-268-14153
Utile/(Perdita) dell'esercizio di pertinenza di Terzi-214-16n.s.
Utile/(Perdita) dell'esercio di pertinenza del Gruppo-407-282-12544

Nella tabella seguente sono riportati i valori consolidati su base omogenea per entrambi i periodi a confronto del Margine Operativo Lordo (EBITDA), dell’Utile/(perdita) dell’esercizio, dell’Utile/(perdita) dell’esercizio di pertinenza del Gruppo e dell’FFO-Cash Flow Operativo con i corrispondenti valori desunti dai prospetti riclassificati di seguito esposti:

 20202019
Milioni di euroMargine operativo lordo (EBITDA)Utile/(Perdita dell'esercizio)Utile/(Perdita dell'esercizio) di pertinenza del GruppoFFO-Cash Flow OperativoMargine operativo lordo (EBITDA)Utile/(Perdita dell'esercizio)Utile/(Perdita dell'esercizio) di pertinenza del GruppoFFO-Cash Flow Operativo
Valori reported (A)269-409-407517710-264-2821.436
Effetti non omogenei        
Effetti connessi al crollo di una sezione del viadotto Polcevera (1)

-60-41-41-209122-234
Stima onerai aggiuntivi da sostenere connessi alla chiusura delle contestazioni avanzate dal MIT (2)

-190-130-130--1.500-1.020-1.020-
Variazione perimetro di consolidamento per costituzione Tecne (3)

-2-2-2-2----
Variazione dei tassi di interesse per l'attuazione dei fondi (4)

-66-42-37--20-15-15-
Subtotale (B)-318-215-210-211-1.519-1.033-1.033-234
Valori su base omogenea (C)= (A)-(B)947-194-1977282.2297657511.670
L’espressione “su base omogenea”, nel seguito utilizzata per il commento delle variazioni di taluni indicatori economici e finanziari consolidati, indica che i valori degli esercizi a confronto sono determinati escludendo i seguenti effetti:
(1) dai dati consolidati del 2020 e del 2019 gli effetti sul conto economico e sull’FFO connessi (i) ai minori ricavi da pedaggio, (ii) ai pagamenti disposti su richiesta del Commissario straordinario per Genova per la ricostruzione del Viadotto Polcevera, nonché (iii) ai risarcimenti agli eredi delle vittime e ai feriti, alle spese legali e ai contributi ad artigiani e imprenditori, al netto dei relativi effetti fiscali;
(2) dai dati consolidati del 2020 gli effetti sul conto economico relativi alla stima degli oneri aggiuntivi da sostenere in relazione alle negoziazioni in corso con il Governo e con il MIMS volto alla chiusura delle contestazioni avanzate, rispetto agli accantonamenti già iscritti al 31 dicembre 2019;.
(3) dai dati consolidati del 2020 il contributo della società di nuova costituzione Tecne;
(4) dai dati consolidati del 2020 e del 2019 l’impatto, al netto del relativo effetto fiscale, derivante dalla variazione dei tassi di interesse presi a riferimento per l’attualizzazione dei fondi iscritti tra le passività del Gruppo.
Situazione patrimoniale riclassificata consolidata
Milioni di euro31/12/202031/12/2019Variazione
Attività non finanziarie non correnti (A)17.72418.008-284
Capitale d'esercizio (B)-4.092-3.692-400
Capitale investito lordo (C=A+B)13.63214.316-684
Passività non finanziarie non correnti (D)-3.233-3.704471
Capitale investito netto (E=C+D)10.39910.612-213
Patrimonio netto di pertinenza del Gruppo1.4881.864-376
Patrimonio netto di pertinenza di Terzi354356-2
Patrimonio netto (F)1.8422.220-378
Indebitamento finanziario netto non corrente (G)7.3709.334-1.964
Posizione finanziaria netta corrente (H)1.187-9422.129
Indebitamento finanziario netto (I=G+H)8.5578.392165
Copertura del capitale investito netto (L=F+I)10.39910.612-213

Il “Patrimonio netto di pertinenza del Gruppo” (1.488 milioni di euro) presenta un decremento di 376 milioni di euro rispetto al saldo al 31 dicembre 2019 (1.864 milioni di euro) originato sostanzialmente dal risultato economico complessivo di pertinenza del Gruppo (negativo per 382 milioni di euro).

La situazione finanziaria del Gruppo presenta al 31 dicembre 2020 un indebitamento finanziario netto pari a 8.557 milioni di euro, in aumento di 165 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2019 (8.391 milioni di euro), come meglio spiegato nel prospetto delle variazioni dell’indebitamento finanziario netto consolidato.

Prospetto delle variazioni dell’indebitamento finanziario netto consolidato
Milioni di euro20202019
Flusso finanziario da/(per) attività di esercizio  
FFO - Cash Flow Operativo5171.436
Variazione del capitale operativo2-19
Altre variazioni delle attività e passività non finanziarie-166-42
Flusso finanziario netto da attività di esercizio (A)3531.375
Flusso finanziario da/(per) attività di investimenti in attività non finanziarie  
Investimenti operativi-575-559
Contributi su attività in concessione-2
Incremento dei diritti concessori finanziari (a fronte degli investimenti)11
Investimenti in partecipazioni--3
Realizzo da disinvestimenti di attività materiali, immateriali e partecipazioni non consolidate11
Posizione finanziaria netta di società consolidate trasferita nell'ambito di operazioni societarie-2-
Flusso finanziario netto per investimenti in attività non finanziarie (B)-575-558
Flusso finanziario da/(per) capitale proprio  
Dividendi deliberati da Autostrade per l'Italia e da società del Gruppo a soci terzi--319
Flusso finanziario netto per capitale proprio (C)--319
Flusso finanziario netto generato (assorbito) nell'esercizio (A+B+C)-222498
Altre variazioni dell'indebitamento finanziario netto (D)57-77
Decremento/(Incremento) dell'indebitamento finanziario netto dell'esercizio (A+B+C+D)-165421
Indebitamento finanziario netto a inizio esercizio-8.392-8.813
Indebitamento finanziario netto a fine esercizio-8.557-8.392

Il “Flusso finanziario netto da attività di esercizio” del 2020 è pari a 353 milioni di euro e si decrementa di 1.022 milioni di euro rispetto al 2019 (1.375 milioni di euro), in relazione principalmente:

Il “Flusso finanziario netto per investimenti in attività non finanziarie” è pari a 575 milioni di euro, con un decremento di 17 milioni di euro rispetto al 2019 (558 milioni di euro), in relazione principalmente ai minori investimenti operativi dell’esercizio (16 milioni di euro).

Il “Flusso finanziario netto per capitale proprio” presenta saldo nullo nell’esercizio 2020, con un decremento rispetto al periodo di confronto pari a 319 milioni di euro, in relazione ai dividendi deliberati da Autostrade per l’Italia e dalle altre società del Gruppo a soci terzi nell’omologo periodo del 2019.

Dati operativi delle società del Gruppo

 Ricavi operativiEBITDAInvestimenti operativi
Milioni di euro20202019Variazione Assoluta20202019Variazione Assoluta20202019Variazione Assoluta
Autostrade per l'Italia2.7463.720-974544560-1656054317
Autostrade Meridionali6892-241132-2122-
Tangenziale di Napoli5473-191228-1634-1
Società Italiana per il Traforo del Monte Bianco5262-102440-16---
Società Autostrada Tirrenica3240-81522-726-4
Essediesse2728-122----
Raccordo Autostradale Valle d'Aosta2431-7816-8211
Giove Clear1414-1-1---
Ad Moving36-31-1---
Movyon9395-21310333-
Tecne3-3-2--23-3
Elisioni e rettifiche di consolidato-86-78-8------
TOTALE GRUPPO AUTOSTRADE PER L'ITALIA3.0304.083-1.053629710-8157555916

Gestione operativa

Andamento del traffico

Tenendo in considerazione le significative incertezze già analizzate in sede di predisposizione della mobilità del 2020 ha risentito sensibilmente degli effetti della diffusione del Covid-19 nel Paese, manifestatisi a partire dall’ultima settimana del mese di febbraio, e dei provvedimenti di limitazione degli spostamenti imposti dalle autorità governative a causa dell’emergenza sanitaria.

Nel 2020, il traffico sulla rete del Gruppo è diminuito del 27,1% rispetto all’anno precedente.

Traffico sulla rete del Gruppo in Italia nel 2020
 Veicoli (1) Km (milioni)
Tratte autostradaliVeicoli a 2 assiVeicoli a 3+ assiVeicoli totaliVariazione % su 2019VTMG 2020 (1)
TOTALE AUTOSTRADE PER L'ITALIA28.839,56.393,935.233,4-27,133.723
Autostrade Meridionali1.205,126,41.231,5-27,665.210
Tangenziale di Napoli680,311,8692,1-25,093.608
Società Autostrada Tirrenica215,022,4237,4-21,514.287
Raccordo Autostradale Valle d'Aosta64,918,683,5-27,67.133
Società Italiana per il Traforo del Monte Bianco4,53,27,7-33,63.632
TOTALE CONCESSIONARIE ITALIANE31.009,46.476,337.485,7-27,134.031
Dati espressi in milioni di chilometri percorsi, arrotondati alla prima cifra decimale.
La performance del traffico include l’effetto "anno bisestile" pari a 0,17%
(1) VTMG = Veicoli teorici medi giornalieri pari a totale km percorsi/lunghezza tratta/n° giorni dell'anno.

Investimenti e progetti

Nonostante le difficoltà legate alla pandemia, sono proseguiti gli investimenti operativi sulle autostrade del Gruppo che nel 2020 ammontano complessivamente a 575 milioni di euro.

Investimenti operativi
(milioni di euro)20202019
Autostrade per l'Italia: Interventi Convenzione 1997120214
Autostrade per l'Italia: Interventi IV Atto Aggiuntivo 200211998
Autostrade per l'Italia: altri investimenti (compresi oneri capitalizzati)270194
Altre concessionarie (compresi oneri capitalizzati)711
Totale investimenti su infrastrutture in concessione516517
Investimenti in altri beni immateriali3722
Investimenti in beni materiali2220
Totale investimenti operativi575559

Interventi di potenziamento e ammodernamento della rete in concessione

Progetto del nodo di Genova

La Gronda ha l’obiettivo di alleggerire il tratto urbano dell’A10 trasferendo il traffico passante su una nuova infrastruttura che si affianca all’esistente, costituendone di fatto un potenziamento “fuori sede”.

Ad oggi sono state già realizzate gran parte delle attività propedeutiche all’avvio dei lavori, con una spesa progressiva che ammonta a circa 200 milioni di euro, e avviate procedure di gara per oltre 600 milioni di euro. Su esplicita richiesta dei Commissari straordinari all'emergenza di Genova e alla ricostruzione del Ponte sul Polcevera, Autostrade per l’Italia ha avviato nel corso del 2020 alcune delle attività previste nel progetto del Lotto 1A, urgenti in quanto interferenti con i lavori di ricostruzione del Ponte.

Progetto del passante di Bologna

Per quanto riguarda il potenziamento del Nodo di Bologna, è stato definito con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili il nuovo scenario progettuale, anche a seguito del confronto con gli Enti territoriali competenti.

Il progetto definitivo, denominato “Passante 2020”, che recepisce le indicazioni emerse durante la fase di confronto con gli Enti Locali tenutasi a giugno 2020 è stato sviluppato e trasmesso al Concedente da Autostrade per l’Italia a dicembre 2020. Attualmente si prevede di concludere la Conferenza dei servizi entro il primo semestre 2021.

Gestione della rete

Gli interventi effettuati da Autostrade per l’Italia e dalle altre concessionarie controllate nel corso del 2020 per manutenzione, sicurezza e viabilità della rete in concessione (esclusi gli interventi su aree di servizio) ammontano a 1.119 milioni di euro di cui 1.075 milioni di euro sono stati realizzati da Autostrade per l’Italia.

Importo speso per interventi sulla rete nel 2020

(1) L’importo include i costi di demolizione e ricostruzione del Viadotto Polcevera

Sicurezza

Nel 2020 sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia e dalle concessionarie controllate sono stati registrati complessivamente 9.949 incidenti (-31% rispetto al 2019).

Viabilità

Il Total Delay4 (1) complessivo sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia nel 2020 è stato pari a circa 5,4 milioni di ore, contro i 7,1 milioni di ore del 2019.

(1) Total Delay: sommatoria dei differenziali tra il tempo medio di percorrenza rilevato su ogni tratta dell’intera rete nel periodo in esame e il tempo medio di percorrenza a una velocità media caratteristica della tratta, moltiplicati per il numero dei transiti.

Esazione e sistemi di pagamento

Nel 2020, il traffico sulla rete di Autostrade per l’Italia ha risentito della pandemia da Covid-19 e le operazioni di pagamento sono diminuite del 27,3% rispetto al 2019.

Aree di servizio

Sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia e dalle società concessionarie controllate sono presenti 218 aree di servizio.

Nel 2020 è proseguito il programma di interventi di riqualificazione delle Aree di Servizio che interessa 60 Aree di Servizio con interventi sia strutturali), sia orientati al comfort e fruibilità degli spazi di sosta per la clientela. Al 31 dicembre 2020, si registra il completamento di 23 interventi di carattere qualitativo e 12 interventi di carattere strutturale.

Innovazione

Le attività di innovazione, ricerca e sviluppo svolte dal Gruppo sono finalizzate alla messa a punto di soluzioni per migliorare la qualità del servizio autostradale ed in particolare:

Garantire la sicurezza a 360° sulla strada, nei cantieri e nei posti di lavoro.
Fornire alti standard di qualità lungo tutta la catena del valore aziendale anche attraverso l’impiego di modelli di advanced analitics e di strumenti innovativi di rappresentazione delle infrastrutture (BIM 3D-Building Information Technology).
Rafforzare l’impegno in ambito digitalizzazione al fine di migliorare la gestione operativa della infrastruttura e l’efficienza del trasporto.
Posizionare il “Cliente al Centro” attraverso nuovi servizi per i viaggiatori, lungo tutto il Traveller Journey.
Sviluppare una mobilità del futuro green e smart secondo criteri di sostenibilità.

Tali attività, con durata in alcuni casi pluriennale, sono svolte in collaborazione con centri di ricerca e istituti universitari nazionali ed internazionali e, in alcuni casi, con partner industriali. Nel corso del 2020 sono stati svolti numerosi progetti, alcuni dei quali co-finanziati a livello europeo.

Fra i progetti messi in produzione nel corso del 2020 si segnala la nuova piattaforma digitale per l’ispezione ed il monitoraggio delle opere d’arte presenti sulla rete autostradale in gestione ad Autostrade per l’Italia, attraverso l’uso di tecnologie altamente innovative (ARGO).

Totale degli investimenti e dei costi sostenuti dal Gruppo per le attività di innovazione, ricerca e sviluppo nel 2020

circa 19 milioni (1) (in crescita di 6 milioni rispetto al 2019)

(1) Tale importo rappresenta la somma delle risorse complessivamente dedicate alle attività di ricerca e sviluppo inclusi i costi operativi, i costi del personale e gli investimenti.

Eventi successivi al 31 dicembre 2020

Alcuni eventi successivi al 31 dicembre 2020 possono impattare sull’evoluzione prevedibile della gestione e in particolare:

Dati provvisori
(variazione rispetto settimana omologa)
Rete gestita da Autostrade per l'Italia
km percorsi
2021 vs 2020
Rete gestita da Autostrade per l'Italia
km percorsi
2021 vs 2019
Settimana 2-42,3%-40,6%
Settimana 3-26,0%-25,4%
Settimana 4-27,2%-25,1%
Settimana 5-22,3%-17,3%
Settimana 6-17,3%-17,4%
Settimana 7-21,0%-21,4%
Settimana 8-20,8%-20,8%
Settimana 9-8,9%-24,6%
Progressivo al 28 febbraio 2021-27,7%-27,0%

Evoluzione prevedibile della gestione

L’andamento della pandemia del Covid-19 rappresenta uno dei fattori di rischio e incertezza che caratterizzano l’evoluzione prevedibile della gestione.

Con riferimento alle restrizioni agli spostamenti introdotte a seguito della diffusione del Covid-19, il prolungamento di queste misure nei primi mesi del 2021 continuerà ad avere un impatto negativo sui volumi di traffico. Sulla base dei dati fino ad ora consuntivati e assumendo un graduale allentamento delle misure restrittive alla mobilità a partire dai mesi estivi, le stime preliminari e le analisi di sensitività condotte porterebbero ad un miglioramento dei risultati 2021 rispetto all’esercizio 2020, seppure non tali da riportare il traffico autostradale ai livelli pre-Covid dell’esercizio 2019.

In tale scenario, si può ipotizzare una contrazione del traffico complessivo su base annua compresa tra il 10% e il 20% rispetto ai volumi pre-crisi dell’esercizio 2019. Conseguentemente, si prevede che i ricavi da pedaggio per il 2021 si attestino in un intervallo tra 2,7 miliardi di euro (+25% rispetto a 2020) e 2,4 miliardi di euro (+10% rispetto a 2020) (1).

Si osserva, tuttavia, che le ipotesi alla base di detta analisi di sensitività possono variare in funzione degli eventi e sono soggette a fattori di rischio e incertezza ad oggi non prevedibili.

Si rileva infine che nel corso del 2021 la Società proseguirà comunque nella esecuzione dell’impegnativo programma di ammodernamento e potenziamento della rete infrastrutturale gestita, con una spesa di oltre un miliardo di euro fra investimenti e manutenzioni, in linea con le previsioni del nuovo Piano Industriale.

(1) Dati riferiti ad Autostrade per l'Italia S.p.A., al netto delle maggiorazioni tariffarie di competenza dell’ANAS (esposte anche tra i costi operativi nella voce oneri concessori).